Nell’anno della cultura la Valletta concede le residenze agli artisti

Nell’anno della cultura la Valletta concede le residenze agli artisti

Continuano le iniziative per rilanciare Malta nell’anno in cui la Valletta è stata insignita del titolo di Capitale Europea della Cultura. Fin qui gli echi delle iniziative prodotte sono stati molto scarsi, ma ora arriva l’estate il periodo più propizio per un arcipelago stato nel mezzo del Mediterraneo e quindi le occasioni si moltiplicano per arrivare a record turistici. Certo è che c’è il rischio di ridurre una vacanza che vorrebbe essere culturale ad una vacanza normalmente mare.

La parte più intrigante del calendario eventi è il suo essere un totale work in progress: un laboratorio delle idee – si legge in una nota – che continuerà per tutto l’anno ad essere in piena produzione. La Fondazione Valletta 2018 ha infatti offerto residenze artistiche a decine di artisti e performer internazionali permettendo loro di ritrovarsi a Malta per confrontarsi, discutere e dare insieme vita a nuove produzioni creative che verranno raccontate, allestite e messe in scena per tutto il 2018. Un workshop continuo che vuole lasciare il segno perché Valletta 2018 sia per Malta solo un assist ad un futuro creativo e sempre più vibrante.

Ne sono un esempio le grandi mostre come quella dal titolo Dal-Baħar Madwarha, una collettiva allestita fino al I luglio e curata da Maren Richter. I 25 artisti coinvolti, provengono da 15 differenti paesi e hanno realizzato opere visitabili in tutta Valletta che sono state collocate in luoghi più o meno tradizionalmente dedicati all’arte. Il tema cuore dell’operazione è quello dei confini, argomento attorno al quale gli artisti hanno rielaborato insieme un’idea di mare, inteso sia come fluido plasmabile, ma anche come barriera capace di imporsi tra persone, luoghi e culture.

Tra i numerosi festival che costellano il periodo estivo, il Malta Jazz Festival, è considerato uno dei principali in Europa tra gli amanti della musica: giunto alla sua 27ima edizione, avrà luogo in diverse location storiche della capitale dal 16 al 21 luglio ed ospiterà grandi nomi del jazz come Chick Corea, Christian McBridee Karim Ziad.

Nel folto delle offerte troviamo anche di progetti che attraverso una proposta ludica, vogliono sensibilizzare il pubblico sui temi di ecosostenibilità ed ambiente, come il Solar Cinema: un originale impianto di videoproiezione cinematografica alimentato ad energia solare che per tutto il 2018 verrà installato in differenti spot dell’arcipelago per offrire un ricco programma di cortometraggi, video e film d’animazione dedicati all’ambiente. Un intero calendario gratuito di film in lingua originale che sarà particolarmente gradito da chi si troverà a Malta per studiare l’Inglese.