LOADING

Type to search

Trame d’Italia”, nuovo tentativo di rilancio del Turismo Esperenziale

In viaggio per te

Trame d’Italia”, nuovo tentativo di rilancio del Turismo Esperenziale

studiokina 22 Maggio 2018

Dopo i deludenti e pochi tentativi di produrre anche in Italia pacchetti di Turismo Esperenziale, una forma tra le più finanziate in Europa di nuovo turismo al fine di creare soprattutto lavoro per i giovani, arriva una nuova massiccia iniziativa che è stata presentata questa mattina nelle sale del Ministero del Turismo e Beni Culturali a Roma. Stiano parlando di Trame d’Italia, un’impresa sociale – così è stata definita – che si propone, leggiamo nel comunicato, di mettere a sistema a livello nazionale, grazie ad un modello scalabile e replicabile, il patrimonio culturale diffuso del nostro paese. Attraverso la creazione e la vendita di itinerari culturali – così dice ancora il comunicato – si vuole favorire al conoscenza e la crescita di territori italiani autentici e poco conosciuti, generando occupazione e sviluppo sostenibile.

Belle parole ma che non ci fanno capire di che cosa siamo parlando anche perchè all’ eccezione: Ma questo è marketing territorriale e nulla più!, la risposta immediata è stata che non era così, anzi il ministero ha tenuto a precisare che non era la solita iniziativa di creare un nuovo sito web, dopo il fallimento di quello creati dal Governo negli anni passati. Questa volta però è diverso Trame d’Italia è del tutto privata e nasce dall’estensione a tutto il territorio nazionale del “Modello Lunigiana” messo a punto da Accenture, la grande multinazionale di consulenza aziendale. Il modello “replicabile” di cui parla il comunicato è appunto questo – sconosciutissimo – della Lunigiana.

Non sarà certamente un nuovo sito internet ma rimane il fatto che, leggiamo ancora il comunicato, Trame d’Italia intende attrarre i viaggiatori di tutto il mondo alla scoperta di percorsi esperienziali vicini alla storia e alle tradizioni dei territori meno noti di cui l’Italia è ricchissima. Il tutto attraverso una piattaforma digitale, www.trameditalia.it, che aggrega e mette a sistema itinerari culturali con un approccio interdisciplinare capace di mostrare la trama di un territorio e le sue connessioni attraverso la storia, l’arte, la cultura, l’attività produttiva, l’artigianato e l’enogastronomia di quel luogo.

L’obiettivo di attivare 50 Trame locali, costituite ciascuna da una rete di operatori e soggetti locali affiliati, mira a raggiungere una massa critica che renda più efficaci gli investimenti in marketing e comunicazione – che, nel periodo di lancio, ammonteranno ad oltre 300.000 euro – e gli accordi con i tour operator. Il business plan prevede che nei primi 5 anni vengano ‘conquistati’ oltre 300.000 viaggiatori che dovrebbero diventare oltre un milione in 9 anni, quando tutte le 50 Trame avranno raggiunto i 5.000 itinerari annui. I primi territori che oggi popolano la piattaforma sono la Lunigiana, il Monferrato e la Brianza, ai quali si aggiungeranno a breve Matera, la Valle Camonica, la Bergamasca e il Mantovano, oltre a molti altri già allo studio.

La promessa di Trame d’Italia al viaggiatore è quella di consentirgli, in un modo semplice e conveniente, l’accesso a storie, persone e beni autentici con modalità divulgative e piacevoli, capaci di coniugare un alto livello di accessibilità intellettuale con il piacere dell’apprendere.
Operativamente la struttura centrale di Trame d’Italia metterà a disposizione la piattaforma digitale, il brand, il disciplinare di prodotto, gli accordi distributivi e gli investimenti promozione. Alle diverse Trame locali compete di sviluppare gli itinerari e i contenuti, attivare il territorio e svolgere le funzioni di ‘destination management’.
Il progetto vede il coinvolgimento di Associazione Dimore Storiche Italiane, CGM, Confcooperative, FAI, Fondazione Cariplo, Fondazione Italiana Accenture, Google, Musement, Touring Club, Valica e UBI Banca.