LOADING

Type to search

Olio e Castelli promuovono le Fonti del Clitunno

Cibo, arte e viaggi

Olio e Castelli promuovono le Fonti del Clitunno

studiokina 26 Ottobre 2020

Il piccolo territorio di Campello sul Clitunno, al centro della Fascia Olivata Assisi-Spoleto, custodisce perle di inestimabile valore: il Tempietto sul Clitunno Patrimonio Unesco, le sorgenti del fiume Clitunno preservate nel parco naturalistico delle Fonti del Clitunno, i castelli incastonati nel paesaggio olivato veri musei a cielo aperto; e l’altissima qualità dell’olio extravergine di oliva che proviene dalle coltivazioni dei piccoli produttori locali.

È per celebrare e promuovere queste bellezze che a Campello sul Clitunno, dal 7 al 22 novembre, si terrà la “Festa dei Frantoi e dei Castelli”, manifestazione che rientra nell’evento Frantoi Aperti in Umbria, con una serie di iniziative che avranno per filo conduttore l’olio e.v.o. che verrà valorizzato in tutte le sue declinazioni, dall’aspetto salutistico, alla qualità del prodotto e all’abbinamento con altri prodotti enogastronomici, in cucina, fino al rapporto con il design.

Tutti piccoli eventi, contingentati e su prenotazione, che mettono in rete non soltanto i frantoi ed i castelli, ma anche luoghi di eccellenza del territorio come ad esempio il Mad Museum – Museo dell’Arte e del Design, dove, con la collaborazione di ADI Umbria si terrà un piccolo evento dove si parlerà di cucina, l’Olio evo e design, o la Fondazione Giulio Loreti dove si terrà una iniziativa di approfondimento sugli effetti salutistici dell’olio evo di qualità o sale di ville che ospiteranno degustazioni guidate di Olio evo.

Diverse le occasioni di esperienze enogastronomiche in campo e nei luoghi di produzione e o allevamento: “Olio E.v.o. Experience” (in programma domenica 8 e 15 novembre) con passeggiate in oliveto per partecipare alla raccolta delle olive, a cui seguirà la visita al frantoio in lavorazione e la degustazione; “Tartufo Experience” (in programma domenica 22 novembre) passeggiate nei boschi di Pettino, località montana del Comune di Campello, giacimento del prezioso tubero, alla ricerca del tartufo nero pregiato, in compagnia di cani ed esperti cercatori oppure “Fishing Experience” la pesca delle trote del Clitunno nella vicina sorgente del fiume e l’assaggio di pesce in abbinamento all’olio evo.

Non mancheranno i trekking tra gli olivi che attraverseranno luoghi d’arte, come il Tempietto sul Clitunno (sito Unesco), le “Residenze d’artista”, i castelli della fascia olivata, Campello alto e Pissignano Alto, musei a cielo aperto e il parco naturalistico delle Fonti del Clitunno

Diversi i laboratori di cucina in programma, insieme a momenti di intrattenimento musicale per le strade del borgo, dei castelli e nei frantoi ed alle visite guidate (domenica 8 novembre) sia nel borgo della località La Bianca, alla scoperta di ville private, del Museo della Civiltà Contadina, dell’opera di Sol Lewit e del piccolo Oratorio di San Sebastiano, decorato al suo interno da pitture votive e preziosamente eseguite da Giovanni di Pietro detto “lo Spagna”, nel Castello di Pissignano Alto (domenica 15 novembre) e nel Castello di Campello Alto (22 novembre).

Da segnalare poi per domenica 22 novembre la passeggiata con Franco Arminio, poeta e paesologo che accompagnerà i partecipanti alla scoperta del castello di Campello Alto e che racconterà del valore sociale di questi luoghi, oggi poco abitati, ma che andrebbero ripopolati.

La “Festa dei Frantoi e dei castelli” fa parte del cartellone della manifestazione Frantoi Aperti che si tiene in Umbria dal 24 ottobre al 29 novembre 2020-