LOADING

Type to search

Nuova vita per il Museo Archeologico di Aquileia il must turistico della regione per il 2019

Cibo, arte e viaggi

Nuova vita per il Museo Archeologico di Aquileia il must turistico della regione per il 2019

studiokina 30 novembre 2018

Se ne sono accorti in pochi, ma lo scorso 3 agosto è stato riaperto, dopo il restauro, il Museo Archeologico di Aquileia. Nonostante la presenza del Ministro dei Beni Culturali Bonisali, forse perchè in piena estate, l’avvenimento non ha avuto grande eco sui media e nell’opinione pubblica sensibile agli eventi culturali. Ma la Regione Friuli Venezia Giula punta ora su questo museo per il rilancio del turismo più colto.

A 136 anni esatti dalla sua apertura, il Museo Archeologico Nazionale (MAN) di Aquileia è stato completamente restaurato con sale a tema, nuovi allestimenti, spazi più accessibili e una storia più completa e fruibile. Al centro della nuova impostazione di visita c’è la riscoperta e valorizzazione dell’antica città di Aquileia nel rapporto con il suo territorio. Il criterio espositivo, per decenni improntato sulla classificazione tipologica dei reperti, è stato completamente ripensato nell’intento di offrire un percorso più coinvolgente, che consenta una maggior comprensione dell’area archeologica, iscritta al Patrimonio mondiale dell’umanità (Unesco) dal 1998.

Accanto ai materiali più noti, i visitatori potranno ammirare reperti fino ad oggi conservati nei depositi e restaurati grazie a un’attenta politica di crowdfunding. Tra questi vi sono i corredi funerari restaurati e preziosi oggetti d’arredo provenienti dalle ricche domus aquileiesi, già ampiamente conosciute per la varietà e raffinatezza dei loro mosaici pavimentali. Proprio ai mosaici, uno dei fiori all’occhiello del sito archeologico di Aquileia, vengono riservate nuove forme di valorizzazione all’interno del progetto di allestimento. Il Museo potrà contare sull’adeguamento ai moderni standard museali internazionali, attraverso l’incremento dei servizi accessori, nuovi spazi espositivi per mostre temporanee, apparati di comunicazione e didattici totalmente ripensati per una fruizione adeguata ad ogni tipo di pubblico, la riqualificazione dei magazzini e la sistemazione delle aree verdi.