LOADING

Type to search

In Trentino parte Mezzano Romantica

Le città propongono

In Trentino parte Mezzano Romantica

studiokina 1 Luglio 2020

A seguito dell’emergenza Covid, la programmazione di Mezzano Romantica, giunta alla 10° edizione, ha dovuto essere rivista. Si è quindi deciso fissare durante l’estate gli eventi inizialmente previsti in altri periodi dell’anno, in modo da presentare a turisti e residenti una serie di appuntamenti cameristici, teatrali e corali di grande interesse, confermando così l’offerta culturale estiva che Mezzano di Primiero (Tn) ha sempre proposto negli ultimi anni.

Il cartellone, organizzato dal Comune di Mezzano e affidato alla direzione artistica di Francesco Schweizer, prenderà il via venerdì 10 luglio con un appuntamento teatrale, che vedrà in scena Lisa Galantini e Denis Fontanari in “BOCCACCESCO”, letture e racconti liberamente ispirati al Decamerone di Giovanni Bocaccio.
Un concerto corale si terrà nella chiesa di Mezzano domenica 19 luglio, tradizionale e partecipatissima festa della Madonna dei Carmeni: ad esibirsi il coro femminile Francesco Sandi di Feltre diretto da Maria Canton, che si è distino in numerosi concorsi corali tra cui il prestigioso Concorso Internazionale Guido d’Arezzo e che presenterà opere di Mendelssohn, Schultz, Sato e melodie tradizionali.

Per la musica da camera, venerdì 31 luglio il diciannovenne pianista tedesco Jakob Aumiller, talentuoso studente del Conservatorio di Trento, già premiato in numerosi concorsi, presenterà un impegnativo e coinvolgente programma spaziando fra le più significative composizioni di Beethoven, Chopin, Rachmaninof e Prokovief.

Un’altra serata teatrale sarà proposta giovedì 6 agosto: in scena lo spettacolo dal titolo “Ciò che non può morire mai”, con l’autore e attore Claudio Tomaello e il chitarrista Stefano Bonato. Si tratta di un percorso musicale e narrativo all’interno del mondo delle fiabe, alla scoperta delle loro origini, del loro linguaggio e della loro inestimabile potenza di cambiamento.

Sabato 22 agosto si avrà la straordinaria occasione di ascoltare il Quartetto di Venezia, così definito dalla critica “La perfetta padronanza tecnica e la forza delle interpretazioni, caratterizzate dalla spinta verso un valore assoluto propria dei veri interpreti, pongono il Quartetto di Venezia ai vertici della categoria e fra i pochissimi degni di coprire il ruolo dei grandi Quartetti del passato”

L’ultimo appuntamento della stagione si terrà sabato 5 settembre: sarà ospite del Festival una formazione cameristica di grande prestigio, l’Hèsperos Piano Trio, formato da Filippo Lama al violino, Stefano Guarino al violoncello e Riccardo Zadra al pianoforte. Il Trio è stato apprezzato dalla critica per “l’eccezionale equilibrio sonoro che regna tra i tre artisti, per non parlare della chiarezza, della pulizia tecnica, del naturale scambiarsi le frasi in nome di una musicalità accesa e matura”.

Gli spettacoli sono gratuiti e si terranno tutti (salvo quello di domenica 19 luglio) al Centro Civico di Mezzano alle ore 21.