LOADING

Type to search

Grecia, dove il mare si fonde con l’arte

Mondo

Grecia, dove il mare si fonde con l’arte

studiokina 26 Maggio 2020

Secondo l’Hellenic Society for the Protection of Nature (EEPF), il mare della Grecia è al secondo posto nel mondo per “bandiere blu”.
La Grecia ha conquistato il suo posto tra 47 paesi in gara, con 497 spiagge premiate, 14 porti turistici e 6 barche turistiche.
La Calcidica, ancora una volta, ha guadagnato il 1° posto con 94 bandiere blu.
In totale, per il 2020 la Commissione Internazionale ha premiato 3.895 spiagge, 691 marine e 82 imbarcazioni turistiche in tutto il mondo.
Il primo titolo di “Bandiera Blu” risale al 1987, i criteri di selezione per spiagge e porti devono soddisfare severi requisiti. Uno di questi riguarda l’eccellente qualità dell’acqua.
Di seguito alcune spiagge che si sono distinte:
A livello regionale troviamo Creta con 117 spiagge premiate e 1 marina. Segue la Macedonia Centrale con 104 spiagge e 3 marine e l’Egeo Meridionale Cicladi e Dodecanneso con 78 spiagge e 2 marine.
Relativamente alle Prefetture al primo posto troviamo la Calcidica con 85 bandiere blu, seguita da Lassithi con 39, l’isola di Rodi con 34, Chania con 33, Iraklion con 27, l’Attica con 19, Rethimno con 18 e Cefalonia e Chios con 15 bandiere blu.
Per i Comuni, il primo posto va al Comune di Rodi con 34 bandiere blu, a seguire i comuni di Kassandra con 32, Agios Nikolaos con 26, Nea Propontida e Sitonia con 18, Chersonissos con 17, Aristoteli e Xios con 15, Volos e Kos con 12.
Le località che hanno alzato le loro bandiere blu rispetto allo scorso anno sono Kos (12 su 10), Corfù (10 su 9) e Corinthia (8 su 6).
A livello comunale, il primo posto è stato vinto dal comune di Rodi con 34 bandiere blu, seguito dal comune di Kassandra con 32, Agios Nikolaos con 26, Nea Propontida e Sithonia con 18, Hersonissos con 17, Aristotelis e Chios con 15, Volos e Kos con una spiaggia.