LOADING

Type to search

Dimore storiche: nel Lazio nuova alleanza Colonna-Barberini

Le città propongono

Dimore storiche: nel Lazio nuova alleanza Colonna-Barberini

studiokina 1 Febbraio 2018

Correva l’anno 1627 quando le famiglie nobiliari Colonna e Barberini cementarono la loro alleanza con il matrinomio tra Taddeo Barberini e Anna Colonna. La cerimonia fu celebrata con sfarzo mai visto a Castel Sant’Angelo dal Papa Urbano VIII (Maffeo Barberini) zio dello sposo.
L’alleanza, dopo circa 400 anni, si rinnova non per scopi politici ma per la cultura ed il turismo del Lazio del sud.

Nella sede di Palazzo Colonna a Roma è stato presentato al pubblico il sistema culturale dei Palazzi Colonna di Roma e Paliano e Barberini di Palestrina, legati da una storia comune, da una parentela e da un’amicizia di lunga data tra le due famiglie: i palazzi condividerannoil percorso di comunicazione culturale che in questi anni ha interessato queste tre dimore storiche di grande fascino. Saranno aperti al pubblico su richiesta di gruppi di almeno dieci persone tutti i giorni e Palazzo Colonna a Roma sarà aperta al turismo anche individuale tutti i sabato.

Negli ultimi anni, Palazzo Colonna ha fatto un percorso importante, finalizzato all’accoglienza ed al miglioramento della sua offerta culturale. Sono stati portati a termine importanti restauri, realizzate nuove pubblicazioni ed è stato avviato un lavoro di manutenzione ordinaria e di monitoraggio quotidiano degli ambienti e delle opere. L’accoglienza in una dimora storica è un elemento fondamentale che parte dal miglioramento continuo dell’offerta culturale da far fruire al pubblico ed alle future generazioni. A tal proposito, per specifico indirizzo gestionale della Fondazione Palazzo Colonna e della Galleria Colonna, tutti i proventi derivanti da visite culturali ed eventi istituzionali vengono reinvestiti nella struttura. Arriva ora un nuovo progetto tra il Palazzo Colonna di Paliano e Palazzo Barberini di Palestrina, due splendidi luoghi a pochi chilometri da Roma. Nel 1624 Filippo I Colonna fece edificare il Palazzo di Paliano, collegandolo alla Cappella ducale, costruita per dare degna sepoltura alla moglie, Donna Lucrezia Tomacelli. Ha ospitato dalla sua edificazione fino ad oggi quindici generazioni di famiglia, è una dimora storica ancora vissuta, ed accoglie al suo interno una pregevole collezione di opere d’arte, con pezzi importanti provenienti dalle Collezioni Colonna. I prospetti esterni hanno beneficiato negli ultimi dieci anni di un attento restauro conservativo, che testimonia la cura ed il legame affettivo della famiglia Colonna per questo luogo.

Il Palazzo Barberini di Palestrina, edificato sulle vestigia del Santuario di Fortuna Primigenia (II sec. a.C.) subì un notevole ampliamento alla metà del 1600 quando la famiglia Barberini acquistò la proprietà del feudo dalla famiglia Colonna. Si compone oggi, oltre a diversi appartamenti e al piano nobile, di un Ninfeo e della chiesa di Santa Rosalia, cappella privata della famiglia. Diverse le opere che qui si custodiscono appartenenti alle collezioni Barberini. Luogo molto caro alla famiglia che da oltre quattro secoli qui dimora con continuità in particolar modo nei soggiorni estivi.
La Fondazione Palazzo Colonna e Palazzo Barberini di Palestrina accolgono con piacere visite culturali, eventi di carattere istituzionale, progetti di carattere culturale ed universitario, scuole di alta formazione, con possibilità di permanenza e soggiorno in strutture vicine ai Palazzi, tra cui il Borgo di Cervinara.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *