LOADING

Type to search

A novembre ArtDate a Bergamo

Le città propongono

A novembre ArtDate a Bergamo

studiokina 19 Ottobre 2020

Dal 12 al 15 novembre 2020, Bergamo ospita la decima edizione di ArtDate, Festival di Arte Contemporanea.

ArtDate 2020 presenta numerose novità̀ di rilievo, focalizzandosi sulla tematica del dono, riportando attenzione sull’accessibilità e sulla partecipazione, e introducendo la riflessione sui riti che rafforzano la socialità.

Per quattro giorni, Bergamo torna a essere fulcro dell’arte contemporanea, con oltre 30 appuntamenti, tra mostre, conferenze, talk, tutti a ingresso libero, diffusi in città, un regalo alla collettività e alla comunità, in un anno che ha visto Bergamo al centro dell’emergenza sanitaria.

ArtDate inaugura giovedì 12 novembre, alle ore 19.00, con la conferenza del giornalista e scrittore Massimo Fini.

Venerdì 13 novembre 2020, alle ore 19.00, a Palazzo della Ragione apre la mostra Il Dono. Sulla vita e la morte (The Gift. On Life and Death). L’esposizione, curata da Stefano Raimondi, riflette su cosa significhi oggi donare e come il dono abbracci i due estremi dell’esistenza umana, la vita e la morte, attraverso le opere di artisti internazionali, quali Alberto Garutti, Felix Gonzalez-Torres, Namsal Siedlecki, Andrea Mastrovito, Matilde Cassani, Andrea Romano e Jonathan Monk, protagonista dell’annuale Benefit, per il quale ha creato Shelf life, una serie inedita di tele che vengono vendute per raccogliere fondi a sostegno delle attività dell’associazione.

Sabato 14 novembre 2020 si apre con la performance Silenziose Tracce, organizzata dal dipartimento educativo di The Blank, a cura di Laboratorio Silenzio e in collaborazione con Accademia Carrara e GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo. Si tratta di una performance che offre un’esperienza di silenzio condiviso e di riconnessione con il paesaggio. I partecipanti, dotati di cuffie antirumore, vengono condotti in una camminata silenziosa per le vie della città e le sale dei due musei, riscoprendo così lo spazio che li circonda e lasciando un segno del loro passaggio attraverso piccole azioni performative.

Nel pomeriggio di sabato 14 novembre è previsto il consueto momento GALLERIES TIME, durante il quale alcune gallerie bergamasche e project space inaugurano iniziative appositamente concepite sul tema del Festival.

La giornata prosegue, alle ore 19.00, con l’apertura, nello spazio dell’Ex Ateneo in Città Alta, della mostra The Act of Seeing With One’s Own Eyes, a cura di Ed Atkins, che presenta lavori del padre del cinema sperimentale Stan Brakhage (1933-2003) e David Kamp (1982).

La prima parte della giornata di domenica 15 novembre è dedicata alla presentazione del libro di Giovanna Brambilla Inferni. Parole e immagini di un’umanità al confine e del libro Metafotografia 2. Le mutazioni delle immagini a cura di Mauro Zanchi e Sara Benaglia. ArtDate si chiude alle ore 17.00, al Teatro Sant’Andrea in Città Alta, con il talk Arti performative e Lingua dei Segni: riflessioni sulla comunicazione visiva, a cura di The Blank LISten Project, che introduce una riflessione sulla Lingua dei Segni e sul suo rapporto con le pratiche performative, teatrali e di Visual Vernacular, coinvolgendo alcuni dei principali professionisti nell’ambito della cultura accessibile.